Facebook APK Free Download  Borgo San Lazzaro     twitter @BorgoSanLazzaro

Le Manifestazioni collaterali al Palio

Il Palio di Asti non è unicamente la Corsa della III° domenica di Settembre, ma è una festa continua, con degli appuntamenti di maggiore importanza durante l'anno paliesco.


GIURAMENTO DEI RETTORI E STIMA DEL PALIO

rettori giuraDopo i solenni proclami del Sindaco e del Capitano del Palio, si passa alla nomina Ufficiale dei Rettori ed alla loro investitura, che avviene con un tocco di spada sulla spalla destra, coperta da un mantello in velluto nero e fodera bianca, e dall'apposizione del madeglione recante lo stemma del Borgo/Rione/Comune; solo adesso si potrà accedere al più antico e solenne rito che il nostro Palio conosca: la stima dei Palii

Il Sabato prima del Martedì di San Secondo (che cade il primo Martedì di Maggio), Asti riscopre un rito antichissimo che apre ufficialmente i festeggiamenti Patronali e mette in moto la macchina Paliesca; la Stima del Palio è uno degli antichissimi riti di cui abbiamo memoria nei documenti conservati nell'Archivio Storico: preceduta da un sontuoso corteo di figuranti, che rievocano l'antico popolo medievale che si raduna sulla Pubblica Piazza per un'occasione importante, i duo Nuovi Pali fanno la loro prima comparsa dall'androne comunale...è un tripudio di applausi e iniziano già i primi scongiuri riguardo i colori che sono stati usati e riguardo alla simbologia nascosta nel drappo che ogniuno cerca di portare a suo favore. 

top ritidimaggio

La Stima dei Palii è una "misurazione" sulla pubblica piazza della conformità delle misure del Palio, ovvero la pezza di velluto cremisi che viene consegnata arrotolata sotto il labaro, il "dipinto" che molti confondono con il Palio verio e proprio. Le misure devono essere di 16 rasi (un'antica misura piemontese) per il Palio della Corsa e 10 rasi per quello da donare alla Collegiata di San Secondo.

A tre mercanti di stoffe e tessuti residenti nella città viene affidato il conpito di controllare la bontà del manufatto, e se risulta essere aregola, viene posto sotto sigillo in cera lacca con il marchio della Città di Asti e il Sindaco, con un solenne proclama alla folla, annunzia ufficialmente la Corsa del Palio di Asti per la III domenica di Settembre: E' PALIO!


 OFFERTA DEL PALIO ALLA COLLEGIATA E PANEGERICO DEL SANTO

IMG 3290L'offerta del Palio da parte del Comune alla Collegiata di San Secondo è fra le più antiche e suggestive cerimonie della storia astese, e risale, sembra, alla seconda metà del XIII secolo. Il giorno del Santo Patrono uno sfarzoso corteo composto dai gruppi in costume dei Rioni, Borghi e Comuni che partecipano alla corsa di settembre, muove da Palazzo Civico verso la Collegiata per l'offerta del Palio.

A conclusione della cerimonia, il Palio per la Collegiata sarà gelosamente custodito in chiesa in un'apposita cappela che raccoglie tutti i Palii donati alla Collegiata; il Palio per la corsa sarà esposto a Palazzo Civico, perché gli astigiani, vedendolo, siano certi che, ancora una volta, si ripeterà la secolare tradizione della corsa del Palio. Sulla Piazza, intanto, il Sindaco e il Parroco della Collegiata, offriranno la tradizionale "Minestra dei Poveri" riprendendo una antica usanza secondo la quale, almeno nel giorno del Santo Patrono, tutti potevano gustare un piatto caldo: una minestra di fagioli o di ceci, un bicchiere di buon nettate d'uva e il classico Mun, il mattone dolce tipico delle nostre colline astigiane.